Contest Il Palagiaccio… Menù Americano!!!

Per il terzo anno di fila ho il piacere di partecipare al contest de Il Palagiaccio, azienda toscana produttrice di formaggi e non solo. Quest’ anno il contest si divide in due emisferi: Americano o Orientale? La scelta non è stata facile, benchè mi piacciano entrambi, dapprima ero propensa all’ oriente solo che poi, come spesso mi succede, ho cambiato rotta. Ho pensato al menù, ho pensato ad un piatto salato ed uno dolce, ecco ho pensato al brunch americano in cui dolce e salato convivono alla perfezione.waffle (2)

WAFFLE SALATI PEPERONI E TONNO DI FIRENZE:

Ingredienti:
1 Uovo
90g.di Farina Tipo1
170g. ca. di Latte Intero
6 g. di Lievito per torte salate
2 Peperoni piccoli
Tonno di Firenze il Palagiaccio
2 cucchiai di Formaggio Gran Mugello
100g. di Formaggio Fior di Mugello
Sale qb.
20g. Olio Extravergine di Oliva

Preparazione:
In una padella mettere un cucchiaio di olio extravergine ed aggiungere i peperoni precedentemente tagliati a tocchetti piccoli; far appassire e mettere da parte a raffreddare.

In una ciotola unire il tuorlo dell’ uovo, il latte e l’ olio extra vergine.
Aggiungere i il Gran Mugello ed il Fior di Mugello tagliato a cubetti, il tonno di Firenze sfilacciato ed i peperoni.
Unire la farina  ed il lievito setacciati e amalgamare bene il tutto. Montare a parte l’ albume ed unirlo delicatamente al composto. Aggiustare di sale.

Versare negli stampi appositi un mestolino di composto e far dorare.
Servire con della ricotta ben lavorata.

hdr
hdr

PANCAKE AL BLU MUGELLO CON RICOTTA

Ingredienti:
80g. di farina
3g. di lievito per dolci
130g. di Ricotta
100g. di Blu Mugello
100ml. di latte
2 uova
10g. di burro
2 cucchiai di Zucchero
sale

Preparazione:
In una ciotola capiente mettere i tuorli, lo zucchero ed un pizzico di sale, montare bene. Unire la ricotta (possibilmente setacciata), il latte, la farina ed il lievito. Tagliare a cubetti il blu Mugello ed aggiungerlo al composto. Infine unire gli albumi montati a neve mescolando delicatamente.


In una padella antiaderente leggermente imburrata mettere un mestolino di composto, appena si formano delle bollicine in superficie girare il pancake. (i miei di sono abbronzati un pò).
i ho accompagnati con una confettura di pesche ed albicocche home made.

hdr

Buon Appetito!!!
Tiziana E.

hdr

 

Annunci

Lasagne alle Erbe e Formaggio con… Ragù Bianco e Besciamella!!!

Amo impastare, l’ ho scoperto da grande, amo affondare le mani nella farina, cercare di capirne la consistenza, l’ umidità. Ogni volta il risultato non è mai o stesso, provo, riprovo e mi sorprendo. Cambio farine, uova, ingredienti perchè non finisco mai di imparare e scoprire gusti, sapori sensazioni che si provano ad impastare. Per questa ricetta ho usato per la prima volta un formaggio senza lattosio, che diciamola tutta, ho sempre storto il naso all’ assenza del lattosio in un formaggio eppure la differenza è inesistente (l’ ho assaggiato). Non esiste alcuna differenza al palato, alla consistenza, al sapore. 

Ingredienti:
per la sfoglia:
3 Uova intere
300g. di Farina Tipo1
2 cucchiai di Formaggio Grattugiato senza Lattosio Bella Lodi
Erbe Aromatiche fresche

Per la Besciamella senza lattosio:
30g. di Farina tipo1
3 cucchiai di Olio d’ Oliva
500ml. di Brodo Vegetale
Sale
Noce Moscata

1Cipolla
1 Carota
1 costa di Sedano
10 Asparagi
300g. di Macinato di Tacchino (oppure Manzo e Maiale)
1/2 bicchiere di Vino Bianco
Olio extra Vergine d’ oliva

Preparazione:
Per la sfoglia:
In una ciotola oppure su una spianatoia, versare la farina setacciata, aggiungendo, le erbe aromatiche sminuzzate finemente e due cucchiai di formaggio grattugiato, mescolare bene. Formare al centro un buco e rompervi le uova. Iniziare ad impastare partendo dal centro verso l’ esterno fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Far riposare almeno 30min. coperto. Stendere la sfoglia a mano oppure con la macchinetta, fino ad ottenere uno spessore di 2-3 mm., Ritagliare le lasagne e lasciarle asciugare un po. Farle scottare in acqua salata.

 

Per la Besciamella:
In un pentolino far sciogliere il burro, aggiungere la farina e fatela tostare per qualche minuto. Aggiungere il latte poco per volta facendo sciogliere bene i grumi, grattugiare la noce moscata ed unire il sale. Far ristringere alla densità desiderata (a me piace piuttosto morbida).

Per il ragù bianco:
Tritare finemente la cipolla, la carota, il sedano e gli asparagi tenendone qualcuno un pò lungo per la guarnizione In un tegame mettere due cucchiai di olio d’ oliva extravergine ed una noce di burro, aggiungere le verdure e far rosolare molto bene. Unire il macinato di carne aggiustare di sale e far cuocere a fuoco basso per 30 minuti ca. aggiungendo qualche mestolo di brodo nel caso asciughi troppo.

In una teglia da forno assemblare la lasagna alternando ad ogni strato di pasta, il ragù bianco, la besciamella ed il formaggio grattugiato. Infornare a 180° per 30min. 

Buon Appetito!!
Tiziana E.

Salatini Asparagi e Raspadura!!!

raspadura, salatini, pancetta di cinghiale, bella lodi, pentole e petali, asparagiAbbinare un bacon (pancetta) di cinghiale ad una raspadura di prima qualità può sembrare un azzardo SALATO, invece no, per me non è stato così ed il risultato è stato sorprendentemente buono.  La raspadura, per chi non la conosce, è una tradizione particolare del lodigiano e zone confinanti, consiste nel raspare (grattare) il formaggio stagionato per ottenere dei “petali” delicati che somigliano tanto ai volant di un vestito. Soffici, delicati che appoggiati su un risotto sono davvero il massimo.

 

Ingredienti:
1  Pasta Sfoglia Rettangolare
Raspadura Bella Lodi
100g. di Pancetta di Cinghiale di Norcia
1 Tuorlo
1 mazzo di Asparagi
Semi di Sesamo

Preparazione:
Scottare gli asparagi.
Stendere la pasta sfoglia, spennellare con il tuorlo e coprire con uno strato di raspadura, stendere la pancetta di cinghiale e tagliare a strisce il tutto. prendere un asparago ed avvolgergli attorno la striscia tagliata.raspadura, salatini, pancetta di cinghiale, bella lodi, pentole e petali, asparagi Qui poi entrerà in gioco la vs fantasia.
raspadura, salatini, pancetta di cinghiale, bella lodi, pentole e petali, asparagiDisporre sula teglia da forno, spennellare con il tuorlo, spolverare con i semi di sesamo, infornare a 180° per 15-20min. ca in base al vostro forno.

Buon Appetito!!!
Tiziana E.raspadura, salatini, pancetta di cinghiale, bella lodi, pentole e petali, asparagi

Patate e Asparagi!!!

patate e asparagi ariostoQuando sembrava che la primavera fosse arrivata, ecco che ci ritroviamo quasi in pieno inverno con la conseguenza che tutte le piante orticole hanno rallentato, ed in alcuni casi addirittura bruciato, lo sviluppo. La neve di Gennaio è arrivata a Maggio, si maggio il mese dei fiori, dell’ amore, dei fiori, delle feste all’ aperto, dei fiori, matrimoni, dei fiori, dei fiori, comunioni, ecc.. Fortuna che gli asparagi per ora tengono bene la produzione.

Ingredienti:
6 Patate grandi
500g.  di Asparagi medi
Insaporire per patate Ariosto

Preparazione:
Pulire gli asparagi eliminando la parte dura del gambo e farli scottare ( tenendoli al dente) in acqua calda leggermente salata.
Pelare le patate e a fette sottili (cuoceranno prima), metterle n una ciotola e condirle con olio ed insaporitore per patate.patate e asparagi ariosto
Scolare gli asparagi un pò al dente (finiranno la cottura in forno.
In una teglia disporre le uno strato di patate, aggiungere gli asparagi e ricoprire con un altro strato di patate. Potete anche fare più strati ma c’ è il rischio che le patate negli strati centrali non cuoceranno troppo. Versare sopra l’ olio e gli aromi rimasti nella ciotola.patate e asparagi ariosto

Infornare a 180° fino a quando le patate sopra non si coloreranno e saranno croccanti.

Ps. Io ho fatto due prove, con e senza carta da forno, con e senza olio sul fondo, ecco ho preferito senza carta e senza olio, la croccantezza è assicurata!!!

Buon Appetito!!
Tiziana E.

patate e asparagi ariosto

Rigatoni con… Carciofi e Gamberi!!!

Finalmente è arrivato il periodo dei carciofi, ricchi di tante, preziose e fantastiche virtù che fanno bene al nostro organismo ed unirli ai gamberi mi è sembrata una scelta più che giusta. Quando ho preparato questa ricetta haimé era settembre/ottobre ed ancora carciofi non se ne vedevano quindi ho optato per i cuori di carciofo surgelati, per carità buoni allo stesso modo,
ma preferisco il carciofo fresco, ecco il perché della scelta di pubblicare ora la ricetta.

Ingredienti:
320g. di Rigatoni Casa Buratti
300g. di Gamberi o code di gambero
6 Carciofi con le spine
Olio Extra Vergine d’ Oliva
Sale

Preparazione:
Pulire i carciofi rimuovendo le foglie esterne più dure, parte del gambo, le punte e l’ eventuale barba interna. Metterli in acqua e limone.
Prendere i gamberi, praticare un incisione sul carapace superiore ed estrarre il budellino nero, sciacquarli per rimuovere eventuali impurità ed asciugarli.
In una padella mettere un giro di olio ed unire i gamberi, farli rosolare qualche min. E mettiamoli da parte. Nella stessa padella mettere uno spicchio di aglio, la cipolla ( o cipollotto) e far ammorbidire. Rimuovere l’aglio ed unire i carciofi tagliati sottilmente, salare e far cuocere per 5 minuti lasciandoli anche ora al dente. Aggiungere i gamberi.
Mettere a bollire dell’ acqua salata e appena raggiunto il bollore versare le caserecce, cardiogramma per tre quarti, scolarle ed unirle ai carciofi e gamberi.
Amalgamare tutti gli ingredienti e portare a cottura aggiungendo se necessario un po’ di acqua della pasta.
Per avere una maggiore cremosità aggiungere mezza patata lessata e schiacciata.

Buon Appetito!
Tiziana E.

Faraona… alla Cacciatora!!!

faraona alla cacciatora pentole e petali ariostoMi capita spesso di cercare di allargare i miei orizzonti culinari (quanto meno cerco). Se viaggio, se visito posti nuovi cerco sempre di assaggiare specialità del posto, anche se non sempre azzecco i luoghi e i tempi. Quando vado a fare la spesa con “il Capo” siamo sempre attirati dalle novità, dalla curiosità di assaporare gusti nuovi. In questo abbiamo optato per la faraona, che era già da tempo che le facevamo il filo, solo che la titubanza è sempre presente, come la cuciniamo? e se poi non ci piace? ma non è troppa? “Capo tranquillo al massimo polpettiamo e stop!!! La ricetta l’ ho trovata sul web e non ricordo il sito preciso quindi mi scuso, l’ ho adattata ai gusti della mia famiglia e a quello che ho reperito tra cucina e orto. Io l’ ho chiamata cacciatora perchè appunto la ricetta che ho trovato era così, ma ho visto che a questo termine si associano diversi tipi di ricette più o meno con olive, più o meno con capperi, più o meno con verdure autunnali. La mia no!!!

Ingredienti:
1 Faraona
1 fetta spessa di Pancetta affumicata
Passata di pomodoro q.b.
1 Cipolla
2 cucchiai Olio Extra Vergine d’ Oliva
Brodo q.b
Insaporitore Ariosto per Spezzatini e Brasati

Preparazione:
In una casseruola mettere l’ olio etra vergine d’ oliva, la cipolla e la pancetta tagliate finemente, fate sudare bene il tutto ed aggiungere la faraona tagliata a pezzi.
Rosolate bene la faraona, aggiungere la pomodoro e l’ insaporire Ariosto qb.
Far cuocere a fuoco basso e coprire con il coperchio fino a cottura aggiungendo il brodo all’ occorrenza.

Buon Appetito!                                

Tiziana E.img_20160902_120711