Focaccia… Fingerfood!

focaccia fingerfood contest

Chi ha stabilito la dimensione del fingerfood? chi è stato quel genio fantastico strabiliante ad aver inventato/rivoluzionato l’ aperitivo/buffet/party/antipasto o quello che vi pare a voi? No perchè se lo becco  devo pur misurargli le dimensioni della sua cavità mandibolare! Avete mai visto le dimensioni di un finger? la prima volta a cui ho partecipato ad un contest sul fingerfood mi hanno detto “Ricordatevi che è un boccone”. Ok ma un boccone in base a quale proporzione-unità di misura- persona? no perchè io conosco persone che un hamburger lo mangiano in due bocconi… gli spaghetti direttamente dalla marmitta! Facile a dire un boccone! io ho la boccuccia piccola e più di una certa dimensione non passa! Comunque le dimensioni nella vita contano fino ad un certo punto… Botte piccola vino buono! A dimenticavo questa ricetta l’ ho copiata pari pari e doppio pari dal mitico Bonci, avessi la fortuna mai di incontrarlo e toccare le sue mani (a proposito di dimensioni)!

Ingredienti:

500g. Farina 0 oppure 400g Farina 0 e 100 Manitoba

55% di Acqua

3,5g. di Lievito di birra secco

7,5g. di Zucchero di canna

7,5g. di Sale

30g. di Olio extra vergine d’ Oliva

Per la farcitura:

Formaggio a fette (avevo il lerdammer)

Prosciutto cotto

Speck

Robiola ed erbe

aromatiche

Preparazione:

Mettere in una ciotola la farina (io la setaccio) e il lievito di birra, mescolare ed aggiungere in progressione sempre mescolando, lo zucchero di canna e l’ acqua (non tutta subito), aggiungere il sale e mescolare bene fino ad ottenere un impasto consistente.

Allargare l’ impasto ed aggiungere l’ olio extra vergine d’ oliva; mescolare bene e metterlo sul tagliere (non infarinato) per impastarlo ancora un pò fino ad ottenere un impasto liscio.

Prendere la teglia da forno, oliarla bene e mettere l’ impasto a lievitare per 3h. coperto da carta pellicola.

Trascorse le tre ore partendo dal centro verso l’ alto e il basso, con i polpastrelli della dita cominciare a distendere. Appena avrete raggiunto il bordi (alto e basso), cominciate ad allargare i lati sempre delicatamente. Ho messo le fette di formaggio sopra.

Far lievitare altre 2 ore sempre coperta dalla pellicola.

Mettere in forno a 220° prima in basso per 15 minuti e poi in alto per altri 10 minuti. Le tempiste del mio forno a gas sono queste.

Una volta pronta l’ ho fatta intiepidire, divisa in tre parti e farcita in tre modi differenti:

1. Prosciutto Cotto

2 Speck

3 Robiola di capra ed erba cipollina e timo.

Tagliata a piccoli bocconi per un ottimo fingerfood!

Buon Appetito!

Tiziana E.

focaccia fingerfood contest

focaccia finger food  contest

Con questa ricetta partecipo al contest di Paola e Monique  Fingerfood-In un Sol Boccone-
http://mielericotta.blogspot.ch/2014/03/il-nuovissimo-contest-sui-finger-foods.html

http://www.labottegadelledolcitradizioni.it/2014/03/il-nuovissimo-contest-sui-finger-foods.html

IMG_4004 (Copia) origNUOVA

 

 

Il Tonnotto…

il tonnotto

Generalmente prima di richiedere una collaborazione, provo i prodotti (quando mi è possibile, non sempre si trovano), così è stato per l’ azienda del Tonnotto! In casa mia, da sempre si mangia il tonno in scatola, la solita marca, la solita scatoletta (varie pezzature), vuoi perchè l’ 80% delle volte è in offerta, vuoi perchè ci si affida alla pubblicità ed in certi casi non si vuol rischiare. Ecco io sto osando, mi butto, acquisto confronto provo e decido… Ma tornando al Tonnotto, ho scelto questa azienda perchè in primis è Siciliana (il 50% del mio essere lo è quindi mi sento a casa), la qualità del prodotto è buono e il tonno non è SALATO è morbido e lo digerisco molto bene. Quando ho deciso di richiedere la collaborazione mi hanno risposto così!
Il Tonnotto

Ciao Tiziana, se vuoi partecipare alla nostra iniziativa legata al ricettario che sarà presentato alla prossima edizione di Cibus basta che ci invia una ricetta a base di tonno.

Se vuoi maggiori info le trovi a questo link: http://www.tonnotto.it/?p=2860

Questa è solo una delle iniziative che porteremo avanti coi food-blogger, stiamo cercando di costruire un team di blogger con cui collaborare in modo continuativo, se dovessi essere interessata sarai la benvenuta a bordo.

Ed io ho partecipato con questa ricetta qui, ho accettato la “sfida” e sono stata selezionata! Quindi ringrazio l’ azienda Il Tonnotto per aver creduto nelle mie capacità!

il tonnottoil tonnottoil tonnottoil tonnottoil tonnotto

Gnocchetti di Grano Saraceno…. Robiola ed Erbe Aromatiche!

gnocchetti di grano saraceno robiola erbe aromatiche (2)

Un primo piatto molto “leggero”, fresco (puntiamo sulla primavera) e soprattutto aromatizzato con erbette fresche per cominciare ad ammirare questa primavera anticipata! Un primo piatto sprint!

Ingredienti:

320g. dio Gnocchetti di grano saraceno

200g. di Robiola

formaggio Casera

Erbe aromatiche a piacere (io ho usato Timo, Timo limonato, Maggiorana, Origano ed Erba Cipollina)

Sale e Pepe

Preparazione:

Mettere a bollire dell’ acqua salata, raggiunto il bollore versare i gnocchetti di grano saraceno e portarli a cottura.

In una ciotola capiente mettere la robiola, aggiungere le erbe aromatiche spezzettate, sale e pepe qb.; aggiungere un mestolino di acqua di cottura degli gnocchetti e stemperare bene la robiola.

Scolare gli gnocchetti ed aggiungerli alla robiola con le erbe aromatiche; mescolare bene per far amalgamare tutti gli ingredienti ed aggiungere una grattugiata di formaggio casera.

Buon Appetito!

Tiziana E.

gnocchetti di grano saraceno robiola erbe aromatiche

Un Lampone Nel Cuore

UnLamponeNelCuore

Con questa iniziativa, i food blogger che aderiscono a “unlamponelcuore” intendono far conoscere il progetto “lamponi di pace” della Cooperativa Agricola Insieme, nata nel giugno del 2003 per favorire il ritorno a casa delle donne di Bratunac, dopo la deportazione successiva al massacro di Srebrenica, nel quale le truppe di Radko Mladic uccisero tutti i loro mariti e i loro figli maschi.

Per aiutare e sostenere il rientro nelle loro terre devastate dalla guerra civile, dopo circa dieci anni di permanenza nei campi profughi, è nato questo progetto, mirato a riattivare un sistema di microeconomia basato sul recupero dell’antica coltura dei lamponi e sull’ organizzazione delle famiglie in piccole cooperative, al fine di ricostruire la trama di un tessuto sociale fondato sull’ aiuto reciproco, sul mutuo sostegno e sulla collaborazione di tutti. A distanza di oltre dieci anni dall’ inaugurazione del progetto, il sogno di questa cooperativa è diventato una realtà viva e vitale, capace di vita autonoma e simbolo concreto della trasformazione della parola “ritorno” nella scelta del “restare”.

Tutti noi possiamo contribuire a questa iniziativa acquistando i prodotti  della Cooperativa presso Coop Adriatica e Nord Est  (in particolare la presenza è garantita negli Iper Coop) e sono distribuiti da Altro Mercato nel circuito del commercio equo e solidale.

Tutte le info le trovate qui http://www.lacucinadiqb.com/2014/02/burek-di-ricotta-e-marmellata-ai-frutti.html
lamponi

Valtellina… I LOVE YOU

gnocchetti saraceno formaggi carciofi

In questo piatto ci sono racchiusi tutti i profumi e sapori degli ultimi 25 anni della mia vita. Amo La Valtellina in tutti i suoi aspetti, amo questa piccola ma grande valle, capace di stupirti ogni qual volta tu ti affacci alla finestra. I suoi colori, i suoi profumi, le sue piccole valli racchiuse in una valle sola! Profumi, colori,, sapori, gastronomia, storia, arte, artigianato… una piccola ma grande realtà fatta da persone speciali!

Ingredienti:

320g. di Gnocchetti di grano saraceno

Formaggio Valtellinese (Casera, Pizzocheraia)

10 Carciofi con le spine

Olio extra vergine d’ oliva Dante

1 spicchio di Aglio

Timo-Maggiorana Tec-Al

Sale, Pepe Nero

Preparazione:

Portare a bollore dell’ acqua salata e far cuocere i gnocchetti di grano saraceno.

Pulire i carciofi rimuovendo le foglie esterne più dure, le punte con le spine e l’ eventuale “barba/fieno” interna; dividerli a metà ed immergerli in acqua e limone per non farli annerire.

In una padella mettere l’ aglio in camicia schiacciato con un giro di olio extra vergine, far dorare l’ aglio e rimuoverlo. Unire i carciofi tagliati molto finemente, salare e far cuocere. Appena saranno pronti, spegnere il fuoco ed  aggiungere una macinata di pepe, il timo e la maggiorana.

Scolare i gnocchetti di grano saraceno in una ciotola capiente, aggiungere i carciofi e mescolare per bene.

Tagliare a cubetti il formaggio.

Prendere una pirofila da forno, ungerla su tutti i lati e sul fondo, versare dentro un primo strato di pasta e carciofi, unire il formaggio a cubetti; mettere un altro strato di gnocchetti con i carciofi e coprire con i cubetti di formaggio.

Mettere in forno caldo a 180° per 20-30min. ca. giusto per far sciogliere il formaggio e creare la crosticina.

Buon Appetito!

Tiziana E.

 

Pantacce… Radicchio e Speck!

pantacce radicchio speck pastai sannitiDiciamo pure che per qualche tempo io e il light dovremmo essere una cosa dola… dovremmo appunto ma a certe cose proprio io non so rinunciare! mi è stato chiesto di rinunciare alla pasta, non ne sono proprio capace in virtù del fatto che recentemente ne ho vinte 8 confezioni da 500g., artigianale, trafilata al bronzo, italiana, ruvida, buona, fantastica… no no non ci rinuncio, la riduco a 50g. ogni due-tre giorni questo si ma rinunciare proprio no. 

Ingredienti:

320g. di Pantacce Pastai Sanniti (pasta corta)

1 Cespo di Radicchio

1 Fetta di Speck

Olio extra vergine d’ Oliva

Sale

Preparazione:

Mettere a bollire dell’ acqua salata per la pasta; appena raggiunge il bollore versare la pasta e portarla a quasi cottura (questa pasta non scuoce resta bella soda).

In una padella mettere l’ olio extra vergine d’ oliva, lo speck tagliato a a listarelle e farlo sudare a fuoco basso (altrimenti brucia) in modo che farà uscire tutto il suo grasso naturale.

Appena sarà pronto lo speck aggiungere il radicchio tagliato  a tocchetti ed un mestolino di acqua di cottura della pasta.

Spegnere il gas, mescolare per far amalgamare  speck e radicchio e coprire con un coperchio.

Scolare la pasta ed aggiungerla al condimento,amalgamare bene tutti gli ingredienti aiutandosi con un mestolino di acqua di cottura.

Buon Appetito!

Tiziana E.

Ps. volendo potete aggiungere un velo di panna e delle erbe aromatiche!
Mi sono accorta che a me personalmente il radicchio non mi piace troppo cotto, lo trovo più amaro di quello che è!

pantacce radicchio speck pastai sannitiCon questa ricetta partecipo al CONTEST FOODBLOGGER LAB dei Pastai Sanniti

Auguri… Pentole e Petali

Oggi il mio blog compie 3 anni di vita, ma di piena attività sono 2! Voglio festeggiare pubblicando non una ricetta ma un premio…. Uno dei 4 premi ricevuti tra dicembre e gennaio (in realtà sono 8-9 da quando ho il blog), un premio che mi ha resa felice perchè… il perchè potete leggerlo nella motivazione! Grazie a tutte quelle persone che continuano a riporre la fiducia nelle mie capacità, a chi ogni giorno mi supporta/sopporta… Un grazie speciale va alla mia amica Barbara ed uno speciale a mia sorella <3
casale1485 lenticchie col fiorito

GRAZIE

Crostatine… di Panettone!

crostatina panettone arancia mandarancio agrumi crema pasticceraLe idee a volte nascono in momenti del tutto non logici, sei li che leggi un libro thriller e pensi ” ecco come posso usare il panettone”, certo poi ti ritrovi a rileggere la stessa pagina due volte, ma l’ idea va colta al volo. Titubante quando mi sono messa all’ opera, felice quando ho assaggiato. Logico, qualcosa da migliorare c’ è sempre, ma per ora sono soddisfatta!

Ingredienti:

1 Panettone Melegatti

Crema Pasticcera aromatizzata all’ Arancia

1 Arancia

3-4 Mandaranci

Zucchero a velo

Preparazione:

Tagliare a fette spesse 1 cm. circa il panettone.

Con uno stampo per biscotti rotondo, ritagliare dei cerchi al centro di ogni fetta ( dovranno essere leggermente più grandi rispetto allo stampo della crostatine).

Foderare gli stampini da crostatine con della carta da forno, disporre sopra un cerchio di panettone e premere leggermente per dare la forma tipica della crostatina.

Ricoprire con un foglio di carta da forno ed i ceci/fagioli o quello che usate per la cottura in bianco.

Mettere in forno già caldo a 180° per 10 min. dovete comunque ottenere un colore dorato ( lo si capirà anche dal profumo).

Fate raffreddare e farcite con la crema pasticcera all’ arancia, le fette di arancia e mandarancia ed infine spolverate con lo zucchero a velo che trovate nella scatola.

Buon Appetito!

Tiziana E.

crostatina panettone arancia mandarancio agrumi crema pasticcera

crostatina panettone arancia mandarancio agrumi crema pasticcera crostatina panettone arancia mandarancio agrumi crema pasticcera (2)

“Budino” di… Pandoro!

budino di pandoro melegattiQuesta è la seconda parte della ricetta precedente… cosa ne ho fatto del pandoro avanzato? ho realizzato questa sorta di budino (la ricetta l’ avevo trascritta 3 anni fa ca. non ne ricordo la fonte però), profumato all’ arancia naturalmente visto il periodo!

Ingredienti:

Per 400g. di pandoro:

5 Uova (250g ca.)

1 Arancia

100g. di Zucchero

500ml. di latte Intero

Preparazione:

In un pentolino mettere il latte con la buccia dell’ arancia e farlo sobbollire.

Sbattere le uova con lo zucchero, unire il latte  privandolo della buccia dell’ arancia e amalgamare bene.

In uno stampo da budino, disporre il pandoro; mettere lo stampo a bagno maria in una teglia da forno separandolo con un canovaccio.

Versare sul pandoro la crema ed infornare a 160° per 50min. ca in forno già caldo.

Una volta pronto la superficie dovrà risultare gelatinosa. Far raffreddare a temperatura ambiente e poi altre 2 ore in frigorifero.

Tagliare a fette l’ arancia e metterla in un pentolino con 100g. di zucchero, si fa “bollire” per 3 min. fino ad ottenere uno sciroppo che verrà poi versato sul budino di pandoro.

Buon Appetito!

Tiziana E.

Pandoro… Ricotta e Cioccolato!

melegatti cannoncini ricotta cioccolato  arancio pandoro

Potrebbe sembrare una cosa complicata ma vi garantisco che non lo è, ci vuole solo tanta pazienza e delicatezza! Il motto è un pandoro… 2 Ricette! questa è la prima!

Ingredienti:

Tanta Pazienza

1 Pandoro

200g. ca. di Ricotta

Cioccolato Fondente

1 Arancia

2 cucchiai di Zucchero

Preparazione:

Tagliare a fette il pandoro di uno spessore attorno al centimetro.

Ricavare dei quadrati eliminando tutta la parte esterna (non buttatela che la utilizzerete in altre ricette).

Con l’ aiuto di un mattarello le stendete uniformemente (non troppo sottile altrimenti si rompe).

Prendere gli stampi in acciaio per i cannoli o cannoncini di diverse misure.

Arrotolare ogni fetta su un stampo piccolo e coprire con quello più grande, servirà per tenere la forma.

Una volta preparati tutti disporli su una teglia da forno ricoperta con la carta e mettere in forno già caldo a 180°per 5 min., dopodiché rimuovere il cilindro esterno e rinfornare nuovamente per altri 5 min. ca.: il tempo non è semplice stimarlo, dovrete andare molto ad occhio (dipende da molti fattori), dovranno essere ben dorati. Rimuovere i cilindri e lasciar raffreddare (si induriscono un pò).

Per la crema, setacciate la ricotta, incorporate la buccia dell’ arancia grattugiata, il cioccolato fondente a scagliette e due cucchiai di zucchero. Amalgamate tutto e farcite i vostri cannoli/cannoncini!

Buon Appetito!

Tiziana E.

melegatti cannoncini ricotta cioccolato  arancio

melegatti cannoncini ricotta cioccolato  arancio pandoro